Strumenti personali
Tu sei qui: Portale PIAZZA 1 PALAZZO DEL MARCHESE ARCHIVIO - SPLENDORE DEL VENTO CANTICO DI LOONA

CANTICO DI LOONA

EB di Terzet

lungo il vento fiorito di giacinti

o ragazza loona che passi

sei la mia dolce Loona

 

 

 

 

 

 

disco di Nebra

confonde invano

seni bianchi con l’eclisse

dolce Loona

 

 

 

 

 

semplice giuoco

ti voglio insegnare

mani stringono

piedi toccano

fianchi combaciano

amore invidiante

 

 

 

 

 

 

 

Ukerth grande

Rhéita grandissimo

Zagùt ottimo

superbo Amore

 

 

 

 

 

 

 

molecole ronzano

api del corpo

ricolmo miele

che vuoi ascoltare

 

 

 

 

 

 

 

perché preoccuparci

accumulare polvere

 mia dolce Loona

togliamo quella che c’è

per poterci sdraiare

nei tiepidi baci

 

 

 

 

 

 

mente non può niente

per dimenticare

questo mi è dato

per darti o Loona

anche quello che ho

 

 

 

 

 

 

conversare tra mammoli

con novità parole

anche per dimenticare

la sua noncuranza

 

 

 

 

 

 

canto accompagna

il nostro insieme o Loona

dolcissimo dentro il cupo

 

 

 

 

 

 

amica mia metti il narciso

sul petto perché vespe e api

suggano col cuore che scoppia

amore di chi non ne vuol sapere

 

 

 

 

 

 

veloce corre la strada

alla mia bella Loona

così anche amore

 

 

 

 

 

 

 

scopro finalmente o Loona

le tue belle cosce dorate

profumate dentro la veste

nell’ansia del tradimento

 

 

 

 

 

 

 

 

Loona piange

sciupa le bionde ciglia

e il viso per un tradir amore

sono già qui o belladolce Loona

 

 

 

 

 

 

nell’oscuro il baglìo tuo

argento mi spinge a pensieri

bruciato amore dal sole

distruttori di sogni

 

 

 

 

 

 

 

come posso tradirti Loona

non mi sarebbe tormento

se sono qui nascosto

nei lini bianchi del letto

 

 

 

 

 

 

 

sotto un priapo possente

una mano mi ha coperto

il cuore perché conservi

la mia forza per Loona

 

 

 

 

 

 

nel cupo del corpo

sento un freddo che è paura

coprimi coi tuoi senirosa

mia bellacara Loona

 

 

 

 

 

 

sporcato amore

 o Loona bella

laviamoci di baci

 

 

 

 

 

 

una tristezza dura

vive con amore

impaziente Loona

 

 

 

 

stringi le mani

o Loona parlami piano

perché temo

 

 

 

 

 

Zagùt

grande dio degli dei

fammi vivere lungofelice

con la perfida Loona

 

 

 

 

 

 

irritabile amore

per Loona la chiara

 

 

 

 

 

 

inquieta amica quietati

che amore è avaro

di giorno come di notte

 

 

 

 

 

 

viene con baci

carezze sussurri

la bella Loona

stupende bugie

che temo Zagùt

geloso e tremo

 

 

 

 

 

farfalla corri o Loona

al mirtillo e sboccio

fiore insicuro

 

 

 

 

 

 

per il portico oscuro

stretti andavamo

 

 

 

 

 

la guerra improvvisa

mi allontana da te

meglio sarebbe morire

sotto i tuoi occhi rocciosi

 

 

 

 

 

la guerra furibonda

mi porterà a Zagùt

scapperò da te o mia

non voglio morire cane

di questi famelici lupi

 

 

 

 

 

vestito di stracci

oppresso da un cupo

ti chiedo sollievo

amorosa Loona

 

 

 

 

 

 

un collare di stelle

ci stringe indolore  

 mio miele Loona

 

 

 

 

le cosce di marmo

copro di velirossi

 

 

 

 

 

il cupo è venuto

quando era lontana

 

 

 

 

 

 

per le colline sabbiose

per le spiagge coi mirti

vago da quando è fuggita

 

 

 

 

 

un rovinato priapo

senza la sua Loona

 

 

 

 

 

 

dolce era quando

furibonda coi seni

ricolmi si dibatteva

la tormentante Loona

 

 

 

 

 

 

nel tempio un morto

sbiancò la bella mia

non sai o dolce che

i morti non esistono

 

 

 

 

 

tra i boschi dai fiori

giallobianchi andammo

guardammo i campi

le colline del cielo

uomini e donne

pensavamo alla bella terra

che la vita non fa godere

 

 

 

 

 

 

Zagùt non invidiarmi Loona

rispetta il patto natale

sii leale

 

 

 

 

 

 

intrecci le mani

le tue con le mie

dolcebella Loona

cantando sul filo

 

 

 

 

 

 

 

nel mio più cupo di me

 non penso per me Loona

ma mirra offro e miele

per avere alleati gli dei

 

 

 

 

 

 

 

la terra

il cielo

il vento

inquieti

 

 

 

 

 

impasto le mani

negli intarsi ocra

la pelle dei fianchi

 

 

 

 

 

 

dentro la luna

nudi andremo

campi di alloro

cinte le mani

 

 

 

 

 

 

pensando a Zagùt

basta un bacio ai

capelli di Loona

per essere felici

 

 

 

 

 

 

 

mi odia mi tormenta

non la voglio come modella

non posso lavorare  

con l’occhichiara Loona

 

 

 

 

 

 

 

sei tanto più bella di vòlok

che anche la pernice

è morta per te

 

 

 

 

 

 

tutta una vita su queste pietre

che un giorno franeranno addosso

non saprai il piede maligno

 

 

 

 

 

perché ricordi

quel tramonto

 

 

 

 

 

tutti offrono doni

 senti respirare

le mani

 

 

 

 

 

mentre beviamo

mentre danziamo

mentre cantiamo

il lupo è sceso

ancora dal bosco

Azioni sul documento