Strumenti personali
Tu sei qui: Portale PIAZZA 3 CASA DELLO SCRIBA Alberto Cappi

Alberto Cappi

V.S. Gaudio

[Dal: Fascicolo del P.M. e del Procuratore dell’Accademia per l’Assassinio come una delle Belle Arti:

 

Quadro indiziario; Motivi; Griglia di Parsons; Orientamento tecnico-strumentale del Lafcadio Incaricato,

 

in: Anonimo del Gaud, L’Assassinio dei Poeti come una delle Belle Arti, © 1999-2003]

 

Cappi 0

 

 

ALBERTO CAPPI

Revere(Mn),1940; visse ad Ostiglia(Mn).

Titoli: Alfabeto, Milano 1973; 7, Reggio Emilia 1976.

 

Questo poeta, che appartiene al Gaud dei Finzi e del Verdiglione e che è spuntato dalla Brughiera di un altro calabro-lombardo più appartato e non delegato all’ammuìna, fa la poesia dell’ Uccello da Richiamo, come se fosse un cuculo, o se vogliamo un orologio a cucù:

Cappi 1

 

Per questo bracchiere indefesso che, con rumori e grida, spinge la selvaggina verso le poste, bisogna trovare un Lafcadio-guardaboschi che, con un appostamento fisso, ne provochi l’alzata in volo  e con un fucile automatico, o una balestra, ne faccia la folaga da beccare.

Qualora l’organizzazione dello spettacolo e della battuta di caccia risultasse troppo dispendiosa, si procederà con la prescrizione in Tavola[cfr. 3.Tavola dell’Arma e del Tempo di esecuzione ad uso del Lafcadio Incaricato, in Anonimo del Gaud, , L’Assassinio dei Poeti come una delle Belle Arti, © 1999-2003] : con gladio[a differenza di Cacciatore, con yatagan; Nanni Balestrini, con scimitarra; Angela Giannitrapani, con durlindana; Giuliano Gramigna, con stiletto; Giuseppe Guglielmi, sciabola orientale; Stefano Lanuzza, spadone a due mani; Valerio Magrelli, daga; Luciano Morandini, pugnale; Roberto Mussapi, pistola a pietra; Nico Orengo, manubalista; Marina Pizzi, cinquedea; Roberto Roversi, dardo; Carlo Alberto Sitta, rasoio; Fausta Squatriti, giavellotto; Gianni Toti, fioretto o kriss; Ida Travi, sciabola orientale; Luciano Troisio, schiavona; Andrea Zanzotto, amigdala; Valentino Zeichen, saracco; Aida Maria Zoppetti, alabarda].

 

 

Cappi 2

 

 

Cappi 3

 

 


[1] I versi del Poeta Cappi sono tratti da Vaganze, poesie pubblicate in : Una rosa è una rosa e una rosa, antologia della poesia lineare italiana 1960-1980, a cura di Sarenco-Verdi, Factotumbook, Verona 1980.

Si verbalizza che il Poeta, per il genus subtile[ebbero questo genus e furon pure loro sottoposti a tortura: Mara Cini, con Ordo Procedendi 2;Milli Graffi, con Ordo P. 4 come Vivian Lamarque e Attilio Lolini], delicato ma anche fine, con espressioni affilate, acute, accurate, sottili, è poeta che si fa notare per il corto sintagma e per il conseguente largo uso di ornamenti come l’allitterazione, l’anacoluto e l’ellissi, fu sottoposto alla Indagatio veritatis per tormentum, tanto che l’”Ordo Procedendi” fu addirittura il numero 4, altrimenti nomato “Eccessivo”, equiparato al “Grado di dolore”3-4 che un poeta di tal fatta riesce a sopportare: difatti il Poeta ebbe a resistere bene se non molto e la petizione fu applicata tre volte, tanto che il Poeta deliberò bene, pesò il pro e il contro, ostentò addirittura il buon senso della φρόνησις , la prima aria di Aristotele.

Azioni sul documento
« novembre 2019 »
novembre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930
Navigazione