Strumenti personali
Tu sei qui: Portale PIAZZA 3 CASA DELLO SCRIBA Blue Amorosi ● Il cielo è sempre più blu e la Mulacchiona d'Utranto

Blue Amorosi ● Il cielo è sempre più blu e la Mulacchiona d'Utranto

V.S. Gaudio

Il cielo è sempre più blu

La Stimmung con Plousia Mekuón
la Mulacchiona d'Utranto

null

 


Di tutte le meraviglie della natura, tolto l’albero d’estate

che è la più notevole non solo per Woody Allen, vuoi mettere il cielo

 

sempre più blu di Rino Gaetano, anche d’autunno?

 

Il cielo che può essere sereno, chiaro, terso, limpido, trasparente,

 

azzurro e financo blu ancorché non sia coperto, grigio, buio, nebbioso

 

e nuvoloso, non è come il cinema

 

anche se è al cinema che si son visti i cieli sempre più blu

 

e non è come la città che ha sì la zona blu e la zona verde

 

ma avete mai visto un cielo sempre più blu commerciale,

 

o residenziale, o industriale?

 

Il cielo non è nemmeno come il mare che può essere

 

chiuso, interno, libero, territoriale, e può chiamarsi oceano

 

o pélago e ha dentro, su di sé, lo stretto, il canale, il braccio di mare

 

né il cielo può essere mosso o agitato, o caldo e freddo,

 

oppure potrebbe il cielo avere i movimenti del mare,

 

l’onda, l’ondata, il maroso, il cavallone, il frangente,

 

la risacca, la schiuma?

 

La schiuma e il cielo sempre più blu

 

la maretta e il cielo sempre più blu

 

il gorgo e il cielo sempre più blu

 

ma quello che mi toglie la parola è la stazione balneare,

 

Milano Marittima ad esempio con quel suo cielo fatto di pini

 

e di ombrelloni, non c’è un albero di limone, né una scorza,

 

o marmellate di diospiro, solo costumi olimpionici e pedalò,

 

sdraio e olio solare, e non siamo nemmeno al Poetto, né

 

ci viene qui a tuffarsi dal cielo Plousia Mekuόn,

 

che nel cielo sempre più blu è Faccia di Pernacocca,

 

l’Utrantìna ca’ natruzza, Idrusa de canduscio carosella,

 

Mulacchiona Adùnia, financo Betissa o Patissa cretina

 

la Formosetta credula pone ponge il suo arco

 

rosso tra le nubi sborrata bota

 

vola vola pietra specchio grido rappreso

 

e culmine che non rincula e ringhia

 

alla torre che geme,

 

e non ha Milano Marittima nemmeno il lungomare

 

come il cielo, né vi ho visto mai onde di oscillazione,

 

il cielo non ha stabilimenti balneari, non ha cabine,

 

né capanni o docce, non reca secchielli, palette e

 

formine, e neanche castelli di sabbia, non ho mai preso

 

il sole sul materassino steso nel cielo sempre più blu,

 

che per quanto non abbia fognatura sarà per questo

 

che non reca di tanto in tanto foss’anche a novembre

 

piogge di merda, né ha un buon albergo dopo la rotonda

 

in cui vestirsi da sposa e qui dar ricevimento, somministrare

 

un pranzo, un rinfresco, una torta e poi farsi una bella

 

zenzerata di nozze almeno fino al mattino di dopodomani

 

questa senza paggi, damigelle e testimoni e nemmeno il

 

parroco, o il sindaco, e altri pubblici partecipanti, in cielo

 

non v’è corredo né dote e nemmeno liste di nozze e bomboniere

 

né alimenti e spese di mantenimento e abiti bianchi

 

da sollevare con cura cominciando a scoprire

 

i corpi di Plousia Mekuón

 

che nel cielo sempre più blu

 

una volta è Saracina, un’altra è Plousia Mulacchiona,

 

Musulmana Mekuόn, Idrùsa, Zacchinetta utrantina

 

fin tanto che egli dichiarando “Tengo tutto”

 

e non si gioca in cielo e allora la carta che scopre

 

Plousia che è sempre la 23, il re di bastoni, e lei

 

vestita di corsaletto e di morione o solo col costume olimpionico

 

rosso si dispone al tuffo nel cielo sempre più blu

 

a gambe unite si solleva sulla punta dei piedi

 

dispone a 90° il tronco del corpo e fa volteggiare

 

le braccia aperte e distese tra la pecorina e l’anatra

 

che vola capovolta fa la Zacchinetta e vola nel cielo

 

sempre più blu a cavalcioni del poeta

 

ma con la testa rivolta verso i suoi piedi

 

nell’infinito preceduto da “cu”:

 

“Ojju cu mar”, “Voglio che mare”, o mar

 

Idrusa mulacchiona, ‘mpalata sull’arco do’ u culu,

 

cull’occhiu sale e scenne s’ennamora

 

o mar s’è riturnata a zacchinetta sfrega la conàcchia de Plueusia

 

s’è ripescato occuore, s’è tenuto nascosto tant’ammore

 

‘na pietra, ma no eras tù amor

 

la luz a cielo abierto non eras tù

 

el cielo más y más azul

 

 
null
Plousia nel cielo sempre più blu
 
$
Leggi :

Plousia Mekuón di V.S.Gaudio
nel pdf di "Incroci" n.20, II semestre 2009:
null
null

null
 
 
 
Azioni sul documento
« settembre 2019 »
settembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30
Navigazione