Strumenti personali
Tu sei qui: Portale PIAZZA 1 BIBLIOTECA Felice Di Giacomo, Canto silenzioso, Edizioni del Leone, 2012

Felice Di Giacomo, Canto silenzioso, Edizioni del Leone, 2012

Antonio Spagnuolo

Il percorso che Felice Di Giacomo intraprende con le sue poesie è un percorso singolarmente semplice, quasi ingenuamente segnato , per quel suo proseguire tra figurazioni eteree, o immagini in chiaroscuro, o illuminazioni vaporose, che tratteggiano testi incisi con la grazia del “liceo”.

Il poeta non propone voli pindarici , ricerche azzardate, ingorghi stilistici, ma abbozza sussurri , silenziosi scampanii di carezze, pentagrammi per ritmi sincopati: “Conosco una musica dolce/ di là fra le stelle luccicanti,/ conosco un quadro/ disseminato fra mille pensieri,/ conosco un punto/ dove cielo e terra si toccano,/ conosco un luogo/ dove un giglio profumato e puro/ di giorno han calpestato./ Conosco un posto/ dove vigili pensieri d’agonia/ fremono in fiume azzurro…” –

Il tuffo nella memoria , o il riscontro del quotidiano si piegano agli scalini che le trasparenze virtuali riescono a concepire con metafore e pregnanze. Lo scavo nel divenire lambisce i segreti delle visioni , in una molteplice varietà di recitazione, a volte impressa nella incantata prosa poetica che traspare tra i versi lunghi fuori dalla metrica. Il poeta sa scavare tra i segreti che il rintocco delle campane diffonde per vallate ed anfratti, sa ritrovare il brivido che la pioggia gelida intreccia tra le foglie rinsecchite, sa schiudere i ritagli che l’eco delle onde marine portano a riva , sa riallacciare i sentimenti che il fragile profumo dell’amore effonde tra la sabbia ed il cielo.

Azioni sul documento
« novembre 2019 »
novembre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930
Navigazione